Il Presidente Alessandro Silvestri fa chiarezza sulle norme del DPCM odierno

Domenica, 08 Marzo 2020 15:20

In riferimento al DPCM del 8 marzo 2020  SONO SOSPESI tutti i corsi di formazione, ivi compresi aggiornamenti,  le competizioni sportive agonistiche e le manifestazioni ludico sportive di ogni ordine e disciplina, svolti in ogni luogo sia pubblico sia privato nelle regioni Lombardia, Veneto, Piemonte, Emilia Romagna e Marche . 

Sono altresì SOSPESI in tutta Italia tutti i corsi di formazione, ivi compresi gli aggiornamenti, di valenza Nazionale nonché  le competizioni sportive agonistiche di valenza Nazionale per evitare che i nostri tesserati provenienti dalle zone sopraindicate siano costretti ad effettuare spostamenti.
Nei centri ippici della Lombardia e delle  province di Modena, Parma, Piacenza, Reggio nell’Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Alessandria, Asti, Novara, Verbano-Cusio-Ossola, Vercelli, Padova, Treviso e Venezia sono SOSPESI anche gli esami per il rilascio delle patenti.
Sono autorizzati invece gli allenamenti dei patentati agonisti (patenti A1/2/3) salvo che nel 2019 abbiano partecipato a gare Internazionali, Nazionali e Regionali qualificanti per i Campionati Nazionali all’interno di impianti sportivi utilizzati a porte chiuse ovvero all’aperto, senza però la presenza di pubblico. Possono accedere all’ impianto solo gli atleti, i tecnici, i dirigenti e tutti gli accompagnatori previa compilazione dell’ autocertificazione allegata al presente comunicato come Allegato 1. Ricordiamo che le Associazioni e le Società sportive, a mezzo del proprio personale medico, sono tenute ad effettuare i controlli idonei a contenere il rischio di diffusione del virus COVID-19 tra gli atleti, i tecnici, i dirigenti e tutti gli accompagnatori che vi partecipano. Si consiglia la compilazione quotidiana dell’ Allegato 3 al presente comunicato.
Nelle regioni non rientranti nell’art. 1 del decreto sopra citato  E' AUTORIZZATO lo svolgimento di  eventi e competizioni sportive di valenza regionale, nonché delle sedute di allenamento degli atleti agonisti (patentati A 1/2/3) all’interno di impianti sportivi utilizzati a porte chiuse  ovvero all’aperto, senza però la presenza di pubblico. "Ne consegue che tutte le competizioni sportive si possono regolarmente svolgere senza la presenza di pubblico e possono accedere alla manifestazione solo gli atleti, i tecnici, i dirigenti e tutti gli accompagnatori previa compilazione dell’ autocertificazione allegata al presente comunicato come Allegato 2 "Pertanto si consiglia di posizionare all’ingresso del circolo ove si svolge la gara persona che impedisca l’accesso a persone non rientranti nelle categorie sopra indicate. Comunque in quest’ ultimo caso  le associazioni e le società sportive, a mezzo del proprio personale medico, sono tenute ad effettuare i controlli idonei a contenere il rischio di diffusione del virus COVID-19 tra gli atleti, i tecnici, i dirigenti e tutti gli accompagnatori che vi partecipano. Pertanto invitiamo le associazioni o società sportive che organizzano competizioni sportive a dotarsi di un medico (si chiede quindi la collaborazione ai tanti medici associati alla nostra Federazione, oltre al personale medico previsto dai regolamenti di disciplina, per assicurare i controlli previsti secondo le prescrizioni previste dall’ Istituto Superiore di Sanità. Sono autorizzati, quindi, anche i corsi di formazione, ivi compresi gli aggiornamenti e esami patenti, di valenza regionale organizzati dal Comitato Regionale che già normalmente non prevedono la presenza di pubblico, con la raccomandazione di cui all’allegato 1, lettera d) del DPCM del 4 marzo 2020 ovvero  una distanza interpersonale di almeno un metro tra i partecipanti e la compilazione dell’autocertificazioni allegate al presente comunicato ALLEGATO 2 e ALLEGATO 3. Lo sport di base (quindi  tutte le attività ludiche ivi comprese le lezioni nei circoli ippici), svolto all’aperto ovvero all’interno di circoli ippici, è ammesso esclusivamente a condizione che sia possibile consentire il rispetto della raccomandazione di cui all’articolo 1, lettera d) del DPCM del 4 marzo 2020  ovvero  una distanza interpersonale di almeno un metro e la compilazione dell’autocertificazioni allegate al presente comunicato ALLEGATO 2 e ALLEGATO 3.
Le disposizioni del DPCM producono effetto dal 8 marzo  fino al 3 aprile 2020.
Qualora interverranno modifiche sarà cura della Federazione segnalarle tempestivamente.